Monitoraggio dei clienti e valutazione dei rischi

L

a diffusione di sistemi di frode e l’anonimato in cui spesso riescono a celarsi gli operatori disonesti, ha creato la necessità di implementare le procedure relative alla verifica di affidabilità, sia nei confronti dei clienti che nei confronti della fattibilità dei progetti che spesso sono alla base di determinate operazioni. La disciplina internazionale, specie in materia di normativa antiriciclaggio, è abbastanza uniforme, rispecchiando medesime esigenze di trasparenza e leggibilità delle operazioni. Tuttavia,  non sempre queste regole consentono una loro libera applicazione, soprattutto perché ad un certo punto le informazioni raccolte devono essere valutate, per poter decidere se una operazione deve, o meno, essere sottoposta a  segnalazione presso le Autorità. Quindi emerge un limite strutturale e cognitivo: l’operatore o il professionista, chiamato ad applicare la normativa antiriciclaggio, si ferma nel momento in cui gli viene chiesto, dalla legge, di segnalare o meno un soggetto o una operazione. Viene, di fatto, richiesta una “capacità investigativa” che sicuramente non appartiene all’operatore.

A

ssistiamo pertanto ad un notevole sviluppo delle tecniche di raccolta delle informazioni, cui però si coniuga una scarsa capacità (non per colpa) di valutazione delle informazioni raccolte. Questa attività, infatti, compete più ad organismi ispettivi o addirittura di polizia, non certo ad un operatore commerciale o finanziario. Sorge quindi l’esigenza di saper gestire le informazioni raccolte. Con la nostra professionalità, riusciamo a valutare, esaminare gestire ed individuare i profili per i quali si rende necessaria la segnalazione alle Autorità preposte. Infatti abbiamo messo a punto una adeguata procedura KYC (know Your Client) che assorbe le indicazioni contenute nelle discipline AML (anti Money Laundering), rendendo efficace la raccolta delle informazioni eseguita a monte.

Paolo Costantini, con la sua esperienza trentennale nel settore, è in grado di proporre una valida e consolidata esperienza, garantendo standard professionali di altissimo livello, al fine di consentire ai propri clienti una attenta valutazione dei rischi derivanti da una cattiva valutazione dei dati e informazioni acquisite.